Marialuisa D’Ippolito: «Nessuno può tapparci la bocca»

| 20 novembre 2015

Non l’hanno presa bene al comitato Vola Gino Lisa. L’intervista alla Gazzetta dell’assessore regionale al Bilancio, Raffaele Piemontese – che definisce «strampalate» le tesi degli attivisti – sono un «atto di tracotanza che un amministratore pubblico non si può permettere». Risponde per le rime la presidente di Vola Gino Lisa, Marialuisa D’Ippolito: «Non ci faremo intimidire da certe provocazioni, andremo avanti perché sappiamo ciò che diciamo».

L’assessore dice semplicemente che un conto sono le teorie, altro le norme. E se non vi sono appigli giuridici per giustificare il cofinanziamento privato a carico di Aeroporti di Puglia, non si può fare diversamente.
«Non ci sono norme neanche nella direzione opposta. Ma sa qual è il punto? La Regione su questa storia continua a fasciarsi la testa prima di essersela rotta. Due anni fa lei stessa ha attivato l’organo di controllo di Bruxelles perché desse un parere sull’ampliamento della pista, guarda caso bocciato, come adesso dà per scontato che l’Unione europea possa respingere la proposta di cofinanziamento da parte di Adp. Avessero usato la stessa prudenza per i lavori di ampliamento negli scali di Bari e Brindisi, già belli e terminati, forse a quest’ora non sarebbero ancora partiti».

Piemontese dice che dietro le valutazioni tecniche c’è ben poco da argomentare.
«L’assessore al Bilancio ha il dovere di ascoltare le nostre ragioni, perché poi quando ci sono le elezioni viene anche lui a bussare ai nostri voti. Lui non ci può tappare la bocca accusandoci di dire fesserie. Non se lo può permettere per il ruolo istituzionale che ricopre».

Il corteo però non ha avuto la partecipazione auspicata. A parte gli amministratori, mancava la gente comune.
«Non fa parte della nostra genìa radunare folle. L’abbiamo fatto perché volevamo sollecitare reazioni, già il fatto di sentirci dire da Piemontese quelle cose a mio avviso ha raggiunto lo scopo: la Regione continua a remare contro».

Cambierà ora il vostro senso di fiducia nei confronti dell’assessore foggiano al Bilancio?
«Continueremo a offrire collaborazione all’assessore Piemontese ed a quanti della giunta volessero sentire anche le nostre ragioni. Ma non c’è più molto tempo da perdere: Bruxelles darà una risposta a breve e poi l’affidamento provvisorio per i lavori all’impresa Pinto scade a luglio. Se qualcuno ha interesse a portarla ancora per le lunghe dovrà fare i conti con noi».

Intervista di Massimo Levantaci pubblicata su La Gazzetta del Mezzogiorno del 20.11.2015

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , , ,

Categorie: Generale, Le verità e i fatti in evidenza, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie, Sviluppo