Imprenditori Federalberghi. Notarangelo: patti chiari e noi ci siamo

| 27 ottobre 2015

Cosa direbbe il mondo dell’impresa se venisse chiamato a finanziare la quota di partecipazione per i lavori sulla pista? «Non è un’ipotesi aleatoria – risponde Gino Notarangelo, presidente provinciale di Federalberghi – personalmente ne ho parlato qualche giorno fa con l’assessore Piemontese».

E qual è la sua idea?
«Che gli operatori turistici debbano fare la propria parte. A patto che si chiariscano ruoli, diritti e strategie».

Si spieghi meglio.
«Chiediamo un Gino Lisa che abbia voli complementari a quelli che partono da Bari. Un po’ come avviene in Spagna dove l’aeroporto di Barcellona detiene il traffico dell’area, ma lo scalo di Girona lavora forse di più e meglio».

Crede che il paragone possa reggere?
«È un esempio. Ma se il Gino Lisa verrà messo nelle condizioni di operare, le sesse che hanno avuto Brindisi e Bari, può fare numeri importanti».

È questa la vostra condizione?
«Se gli operatori turistici compartecipano alla spesa è giusto che facciano le loro richieste».

Avete già pensato alla compagnia?
«Ryanair a Foggia non potrà volare. C’è EasyJet che vola con gli A319 e che operano benissimo su uno scalo con 1800 metri. Le possibilità ci sono se vogliamo stimolare il mercato. Quello che finora, a mio avviso, non è stato fatto».

Intervista di Massimo Levantaci pubblicta su La Gazzetta del Mezzogiorno del 27.10.2015

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , ,

Categorie: Generale, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie

I commenti sono chiusi