Gino Lisa, Galletti firma la Via «E ora tocca ai Beni Culturali». Landella soddisfatto: «Una spinta positiva in avanti»

| 29 maggio 2015

«Ho firmato nelle scorse ore il decreto di compatibilità ambientale per il prolungamento della pista di volo dell’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia». Lo ha annunciato nel corso di un incontro pubblico a San Paolo di Civitate il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. «Nel decreto, ora trasmesso ai Beni Culturali – spiega il ministro – ci sono prescrizioni molto stringenti e dettagliate da parte della Commissione tecnica Via-Vas su diciotto diversi temi, dalla cantierizzazione al monitoraggio dell’atmosfera, dall’impatto acustico alla componente “salute pubblica”». «Nel momento in cui le prescrizioni sono rispettate e le prerogative ambientali pienamente soddisfatte – conclude Galletti – non si può fermare lo sviluppo, specie in una terra che ha molto bisogno di quelle infrastrutture in grado di portare sul territorio nuove opportunità».«Ho firmato nelle scorse ore il decreto di compatibilità ambientale per il prolungamento della pista di volo dell’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia». Lo ha annunciato nel corso di un incontro pubblico a San Paolo di Civitate il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. «Nel decreto, ora trasmesso ai Beni Culturali – spiega il ministro – ci sono prescrizioni molto stringenti e dettagliate da parte della Commissione tecnica Via-Vas su diciotto diversi temi, dalla cantierizzazione al monitoraggio dell’atmosfera, dall’impatto acustico alla componente “salute pubblica”». «Nel momento in cui le prescrizioni sono rispettate e le prerogative ambientali pienamente soddisfatte – conclude Galletti – non si può fermare lo sviluppo, specie in una terra che ha molto bisogno di quelle infrastrutture in grado di portare sul territorio nuove opportunità».

Giunge soddisfazione anche dal Sindaco di Foggia, Franco Landella. «La firma del Ministro Galletti spinge in avanti, in senso positivo, la battaglia per la piena operatività dell’aeroporto “Gino Lisa”, segnando una tappa importante del percorso che abbiamo avviato in questi mesi e che ci ha visto seguire, passo dopo passo, con attenzione e determinazione, le evoluzioni di una vicenda complessa e strategica per il futuro del territorio provinciale».

«Questo decreto – prosegue il primo cittadino-, che dovrà essere adesso controfirmato dal Ministro per i Beni Culturali, è un traguardo per il quale il territorio, nelle sue rappresentanze istituzionali, associative, civiche ed economiche, ha lavorato a lungo e con impegno. Il mio grazie va a tutti coloro i quali si sono spesi con passione ed amore verso la Capitanata in questa partita, cui ho voluto dare carattere di priorità sin dal momento del mio insediamento a Palazzo di Città, seguendola in prima persona a Bari, a Roma e a Bruxelles, attraverso i contatti che l’Amministrazione comunale ha attivato e con la “Cabina di Regia” istituita dal Comune di Foggia, che è stata il luogo in cui le istituzioni hanno saputo fare sintesi e concordare le azioni da mettere in campo».

«Ora attendiamo con fiducia che sul decreto giunga rapidamente anche la firma del Ministro per i Beni Culturali, superando così questo primo ostacolo al concreto allungamento della pista del nostro aeroporto». Landella poi precisa che «da quel momento la nostra attività dovrà essere concentrata sulle altre due questioni ancora aperte: quella relativa alla compatibilità del finanziamento destinato all’allungamento della pista con il regime dei cosiddetti “aiuti di Stato”, per la quale si attende il pronunciamento della Commissione Europa; e quella inerente le prescrizioni stabilite dal Ministero dei Trasporti affinché al “Gino Lisa” possa essere riconosciuto lo status di aeroporto di interesse nazionale».

L’auspicio finale è che «su entrambe occorre mantenere il massimo dell’unità istituzionale e non abbassare la guardia, anche quando questo significa innescare una dialettica forte con i nostri interlocutori, così come accaduto sino ad oggi. Su questi fronti il Comune di Foggia sarà ancora in prima linea, confermando e potenziando quella funzione di coordinamento che ha prodotto finora frutti e risultati importanti. La funzionalità dell’aeroporto “Gino Lisa” è infatti fattore decisivo per lo sviluppo dell’intera provincia di Foggia e continuerà ad essere in cima all’agenda politica dell’Amministrazione comunale».

Parte dell’articolo pubblicato su Il Corriere del Mezzogiorno del 29/05/2015

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , , ,

Categorie: Generale, Le verità e i fatti in evidenza, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie, Pista

I commenti sono chiusi