Voli sull’aereo mai pagato. AirValleé fa causa alla BlueWings Air. Un solo passeggero sul primo volo

| 4 dicembre 2014

airvallee

Vengono fuori a pillole le verità sul conto della Blue Wings. In attesa di capire quale accordo legasse la compagnia ad Aeroporti di Puglia, ieri si è appreso da fonti regionali che la società di brokeraggio italo-londinese, che avrebbe dovuto attivare i voli Foggia-Milano Malpensa dal Gino Lisa, non avrebbe versato un solo euro per il nolo dell’aereo alla compagnia Air Vallée e che pare che questa adesso sia intenzionata a far causa. Il Fokker 50, come si ricorderà, venne fatto atterrare al Gino Lisa il 20 ottobre scorso e nello scalo dauno rimase fermo per undici giorni prima che venisse spostato nell’aeroporto di Pontecagnano (Salerno) per alcuni voli charter. Ma c’è di più: sul volo Foggia-Milano in partenza il 27 ottobre, ma poi rinviato al successivo 10 novembre e infine definitivamente annullato, c’era un solo passeggero prenotato e non «una quindicina» come informò il rappresentante della società, Valerio Zifaro in un’intervista alla Gazzetta.

Insomma comincia ad assumere i contorni una vicenda abbastanza fumosa sin dall’inizio anche per una sorta di complicità (crediamo involontaria) della Regione e di Adp avallando un progetto che faceva acqua da tutte le parti come gli organi di informazine, va detto, avevano denunciato sin dal primo momento. Anche per questo la Cisl e l’Adiconsum chiedono adesso un “chiarimento” con il governatore Nichi Vendola. La richiesta – informa una nota del sindacato – è stata inviata alla Regione «lo scorso 20 novembre» e contiene appunto la richiesta di un confronto «assolutamente necessario – scrivono i responsabili di Cisl e Adiconsum, Emilio Di Conza e Giuseppe Potenza – per chiarire al meglio ogni aspetto della vicenda al fine di rilanciare, in modo concreto e proficuo, il percorso verso l’adeguamento e la ripresa dei voli dal Gino Lisa di Foggia, infrastruttura che riteniamo essenziale per lo sviluppo infrastrutturale della Capitanata e della Puglia».

La vicenda Blue Wings sembra passare in second’ordine ora che Vendola ha scritto al ministro Lupi perorando la causa del “Lisa” nel piano nazionale aeroporti. «Senza dubbio una novità positiva la richiesta inoltrata dal governatore Vendola al governo Renzi per chiedere l’inserimento del Gino Lisa nel piano nazionale degli aeroporti, da tempo auspicata dal territorio, affinché venga riconosciuto il ruolo dello scalo foggiano nel sistema dei trasporti nazionale». «La precisa volontà della Regione – sottolinea il segretario generale della Cisl di Foggia, Emilio Di Conza – è un fattore imprescindibile, soprattutto per conseguire il risultato della ripresa dei voli, che può e deve essere raggiunto quanto prima per dare credibilità all’impegno che il territorio e la stessa Regione hanno messo in campo».

Articolo di Massimo Levantaci pubblicato su La Gazzetta del Mezzogiorno del 4.12.2014

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , , ,

Categorie: AirVallee, BlueWings Air, Generale, Le verità e i fatti in evidenza, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie, Sviluppo