«Vendola, adesso intervieni». Mondo Gino Lisa scrive al governatore: «serve subito la Via per i lavori»

| 27 febbraio 2014

«Caro Nichi Vendola, noi foggiani apprezziamo il tuo interessamento e ti siamo grati per l’impegno profuso per aver fatto riaprire il bando di gara per l’allungamento della pista del Gino Lisa…», si apre così la lettera che Mondo Gino Lisa (l’associazione composta da tecnici ed esperti di settore che da tempo ha abbracciato le sorti dello scalo di viale degli Aviatori) ha inviato al presidente della Regione per sollecitarlo a «fare l’ultimo sforzo» in favore dei lavori per la pista. «Grazie a te la gara di appalto si è riaperta il 12 dicembre 2013 e si è conclusa il 30 gennaio scorso, ed in questi giorni saranno aperte le buste delle trenta offerte pervenute per l’aggiudicazione dei lavori. Lavori da 14 milioni di euro, in fondo poca cosa rispetto a quelli realizzati da Aeroporti di Puglia (della Regione Puglia per il 99,6%) che non ha mai sbagliato un colpo (o quasi) nel ridistribuire 500 milioni di euro di fondi pubblici dal 2002 al 2012 agli aeroporti di Bari (300 milioni), Taranto (130 milioni), Brindisi (70 milioni). Purtroppo invece su Foggia, pare che anche soli 14 milioni di euro possano essere occasione di svariate “sviste ed imprecisioni burocratiche” tali da mettere a rischio anche il progetto di minima sopravvivenza dello scalo dauno». «Superati, infatti, tutti i recenti problemi relativi ai “pareri economici negativi”, al “piano di rischio”, al reperimento ed assegnazione fondi, ecco che ad oggi manca ancora l’ultimo documento necessario a far finalmente partire i cantieri: la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), a cura di Enac e del ministero dell’Ambiente. Una procedura il cui esito più volte veniva dato per scontato ed imminente dal luglio 2013 e che invece veniva sospesa improvvisamente il 14 dicembre 2013». «I 14 milioni di euro di fondi europei, in scadenza al 30 giugno 2014 (poco più di 4 mesi da oggi), sono i fondi minimi necessari e sufficienti per permettere a Foggia, al Gargano e al suo vasto hinterland da Campobasso a Potenza, di iniziare a volare davvero, senza dover ogni volta percorrere due ore di macchina (o tre ore di bus / treno . .) fino a Bari/ Napoli/ Pescara. I 14 milioni di euro per la pista giustificherebbero anche i 10 milioni di euro spesi da Adp a Foggia per rifare terminal, parcheggio velivoli, autonoleggi, raccordo a Nord della pista. Caro Nichi, se ami davvero Foggia, come dici, allora cerca di fare in modo che la Via per la pista venga rilasciata al più presto, che sia quella a livello regionale o nazionale a questo punto poco importa. Purché sia valida a far partire i lavori».

Lettera di Mondo Gino Lisa pubblicata da Massimo Levantaci sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 27.02.2014

Scarica qui il test completo della Lettera Aperta dei Foggiani a Nichi Vendola sull’Aeroporto Gino Lisa

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , ,

Categorie: Comunicati Stampa, Generale, Le verità e i fatti in evidenza, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie, Pista, Sviluppo

I commenti sono chiusi