Gino Lisa, ecco il bando di gara per allungare la pista. Base d’asta 7,2 milioni di euro. E il Comune pensa anche all’opera “Ali sospese”

| 3 ottobre 2013

La gara d’appalto è stata pubblicata: i 14 milioni, almeno in teoria, sembrano salvi. Ora, tocca sveltire le pratiche e allungare, finalmente, questa benedetta pista. Ponendo fine ad una snervante soap-opera che, dacché ne dica il sindaco Mongelli, ha giustamente preoccupato i cittadini foggiani, su tutti la community Mondo Gino Lisa.

PUBBLICATI I DUE AVVISI. “Si sta progressivamente concretizzando, risolvendo positivamente tutti i dubbi che hanno inutilmente appesantito il dibattito in città”. Questo il commento del Primo Cittadino infatti, in merito alla pubblicazione dei due avvisi diffusi da Aeroporti di Puglia che danno il sostanziale avvio alle procedure di gara e che servono a mettere in sicurezza il finanziamento CIPE da 14 milioni di euro. “Due atti – ha continuato il Sindaco – che testimoniano la convergente e concreta volontà di AdP a potenziare lo scalo di Foggia”. Una situazione però, meno liscia di quello che vuol sembrare, considerato, ad esempio, il ritardo foggiano in relazione allo scalo brindisino il quale, beneficiando dei medesimi fondi, risulta già aver avviato ogni pratica (come ebbero a sottolineare, a suo tempo, i membri della community Mondo Gino Lisa).

“ALI SOSPESE”: DALL’IMMONDIZIA ALLA NUOVA VITA. Ad ogni modo, stando alle carte ufficiali, entro il 20 novembre prossimo dovrebbero arrivare sul tavolo i progetti esecutivi per l’allungamento della pista, con base d’asta fissata a 7,2 milioni, oltre al milione e trecentomila euro previsti per oneri sulla sicurezza non soggetti a ribasso. Gianni Mongelli ha ringraziato, per questo risultato, sia il nuovo amministratore unico di AdP Giueppe Acierno e sia il suo assessore Augusto Marasco il quale, oltre ad aver snellito le pratiche, ha svolto anche un sopralluogo importante per un individuare una nuova collocazione per la scultura “Ali sospese (Il volo)”, realizzata nel 1946 da Gianfranco Rizzi e collocata al centro del vecchio Piazzale Aeroporto Civile “Gino Lisa” di Foggia. Opera che, lo si ricorderà bene, durante gli scorsi mesi di incertezza e abbandono che hanno riguardato l’intera area, venne rinvenuta praticamente nell’immondizia, danneggiata e con tanto di denuncia alla procura della Repubblica.

Articolo pubblicato da Foggia Città Aperta il 3.10.2013

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , , ,

Categorie: Conferenza dei Servizi, Le verità e i fatti in evidenza, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa

I commenti sono chiusi