Aeroporto tenuto in vita da mille firme. Mondo Gino Lisa: «Il 12 settembre si avvicina, testimoniano che la gente lo vuole»

| 15 agosto 2012


L’aeroporto tenuto in vita da una petizione popolare. Sono ancora una volta le associazioni a dare la sveglia sul Gino Lisa: mille firme già raccolte (attraverso il sito online, www.ginolisa.it), l’obiettivo è dimostrare che «la gente a Foggia vuole l’aeroporto».

Ma perchè, c’è qualcuno che lo mette in dubbio? «Il Comune sta facendo la sua parte per l’allungamento della pista – dice Andrea Casto, presidente di Mondo Gino Lisa – però riteniamo che non debba mai essere abbassata la guardia su un tema storicamente sensibile per la società foggiana come il rilancio aeroportuale. Restiamo perciò vigili, teniamo alta la guardia e confidiamo che la svolta sia vicina: le firme vogliono dire proprio questo».

La petizione è cominciata circa un mese fa ed è rivolta simbolicamente agli enti locali. Si è optato per la sottoscrizione popolare non potendo (o non volendo) organizzare un altro corteo «pro Gino Lisa» come quello del 19 novembre scorso quando per la prima volta scese in piazza la società civile in difesa dello scalo cittadino. «Quel corteo – ricorda Casto – è stato un successo organizzativo senza precedenti, ma fu anche strumentalizzato da politici e amministratori locali che si presentarono in piazza al fianco della gente comune scesa in piazza proprio per contestarli. Un altro corteo non avrebbe senso: con questa petizione piuttosto intendiamo testare la tensione dell’opinione pubblica sul problema di uno scalo eterno incompiuto, le firme già raccolte rivelano un interesse dei foggiani tutt’al tro che sopito a dieci mesi dall’ultimo volo della Darwin».

L’universalità di internet permette di allargare la platea dei potenziali firmatari a tutti i foggiani sparsi in Italia e nel mondo. E non a caso tra le mille firme registrate (sul sito il dato è fermo a quota 737, ma molti si dimenticano di registrare le proprie generalità dopo aver firmato) ci sono firme di utenti anche da Milano, Treviso, Bologna. Anzi questo della extraterritorialità è un aspetto che incuriosisce: pure Mondo Gino Lisa nasce a Milano (Casto, ingegnere, vive e lavora lì). «La petizione spiega Casto dice proprio questo: c’è chi vi segue. Alla conferenza di servizi di Bari manca poco meno di un mese e non sappiamo ancora in quali condizioni ci arriveremo. Non sappiamo cosa realmente voglia dire il documento pubblicato dall’assessorato all’Urbanistica (leggi più in basso oppure qui: ndr), ma noi crediamo che sull’aeroporto il tempo dei raggiri sia finito. Anche noi andremo a Bari il 12 settembre, ci aspettiamo che la conferenza di servizi dopo quasi duecento giorni approvi l’allungamento della pista».

Ma l’Urbanistica mette le mani avanti «Ci sono elementi controversi da chiarire…»

L’assessorato comunale all’Urbanistica ha pubblicato sulla pagina facebook una nota in cui si fa il punto dello «stato dell’arte» degli adempimenti tecnico-burocratici, da mettere ancora a punto, in vista della conferenza di servizio sull’aeroporto Gino Lisa in programma per il 12 settembre a Bari. In esso viene sollevata più di qualche perplessità sulla reale capacità del Comune di arrivare a quell’appuntamento che dovrebbe essere risolutivo con le carte in regola. «La questione leggiamo dal testo chiama in causa diversi soggetti. L’assessore alla Qualità e all’Assetto del Territorio, Augusto Marasco, presente all’ul tima Conferenza di Servizi del 25 giugno scorso, si è assunto l’im pegno a risolvere alcuni elementi che, tuttavia, restano controversi. Nelle settimane successive sono accaduti fatti di natura politica che hanno sospeso le attività di Giunta già prima delle dimissioni poi rientrate del sindaco. Ciò malgrado, l’Assessorato e il Servizio Urbanistica hanno mantenuto attiva l’attenzione sul “dossier” allungamento della pista aeropor tuale». Tra i punti più controversi vi è l’esame di rischio (richiesto dalla Regione) e il via libera dell’Uf ficio tratturi: «La Direzione regionali dei Beni Culturali ha comunicato che non renderà pareri se non in sede di Commissione nazionale di Valutazione di Impatto Ambientale».

Articoli di Massimo Levantaci pubblicati sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 15/08/2012

Le precisazioni dell’Ing. Antonio Bruno: «La deposizione degli atti promessa dal Comune di Foggia è una condizione necessaria per il 12 settembre»

In occasione della pubblicazione dell’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno più in alto sono arrivate le precisazioni dell’Ing. Antonio Bruno, il tecnico firmatario del progetto di allungamento della Pista. Le riportiamo per fare maggiore chiarezza sulla situazione ed aiutare a comprendere meglio anche le dichiarazioni dell’assessorato all’Urbanistica del Comune di Foggia: «Il 12 settembre potrebbe essere la penultima conferenza a condizione che vengano depositati gli atti promessi dal Comune nella precedente conferenza del 25 giugno». Nel caso risultasse positiva quella seduta «sara’ possibile andare a Roma in commissione ambientale, dove le Soprintendenze esprimeranno un parere unico, per chiudere la questione di valutazione impatto ambientale». Tuttavia, precisa Bruno, «pare evidente che senza il passaggio del 12 settembre tutto potrebbe essere ulteriormente procrastinato».

 

Nel frattempo invitiamo tutti coloro che sono semplici cittadini e ritengono importante sostenere lo sviluppo e la crescita dell’Aeroporto di Foggia a partecipare alla raccolta firme popolare cliccando sui banner presenti in questa pagina oppure collegandosi a www.firmiamo.it/volaginolisa. Dare il proprio contributi è molto semplice, porta via soltanto un minuto ma è fondamentale per l’iniziativa. Un sentito ringraziamento a tutti coloro che contribuiranno.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , , , , ,

Categorie: Conferenza dei Servizi, Generale, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie, Novità, Rassegna Stampa