Conferenza dei Servizi, via libera con un fax alla modifica di via Castelluccio per l’allungamento della pista

| 26 giugno 2012

E’ andata meglio di quanto ci si attendeva, anche se il via libera al prolungamento della pista del Gino Lisa slitta inevitabilmente a dopo l’estate contro gli auspici di sindaco e progettisti di Aeroporti di Puglia, qualche tempo fa. Ma dal cilindro della terza conferenza di servizio, convocata ieri a Bari nella sede del Provveditorato alle opere pubbliche, è però venuto fuori il via libera un po’ a sorpresa del piano regionale Tratturi che approva con «parere condizionato» le modifiche sullo storico tracciato di via Castelluccio, senza cioè dover attendere la convocazione della conferenza di servizio da parte del Comune.

Una virata a centottanta gradi se si considera che nell’edizione di ieri, rispondendo alle domande della Gazzetta, il responsabile dell’Ufficio tratturi, Michele Pesante, preannunciava che non avrebbe partecipato alla conferenza di servizio sull’aeroporto considerando inutile la presenza del suo ufficio proprio perchè il Comune non si era ancora deciso «a convocare la conferenza di servizio per la modifica del piano tratturi».

Una dichiarazione che pare abbia fatto trasalire il sindaco Mongelli, alla lettura dei giornali ieri mattina, e che Pesante ha evidentemente rettificato inviando intorno a mezzogiorno cioè in piena conferenza di servizio un fax in cui si prende atto delle modifiche apportate al progetto originario di Aeroporti di Puglia. L’integrazione peraltro recepisce «in toto» (come ha spiegato lo stesso Pesante) le richieste dell’ufficio tratturi quanto all’adozione di una serie di misure a compensazione della perdita del tratturo: la più significativa consiste nella costruzione di una pista ciclabile che correrà lungo la testata Nord della nuova pista e che verrà realizzata con i 14 milioni di euro finanziati dal Cipe.

A fine giornata perciò il commento del primo cittadino appare decisamente risollevato: «La valutazione positiva delle opere di compensazione ambientale leggiamo dal resoconto di Palazzo di città ha consentito all’Ufficio Parco dei Tratturi di esprimere parere favorevole, seppure condizionato dell’approvazione della variante al Piano comunale dei tratturi da parte del consiglio comunale. In sede di conferenza dei servizi, inoltre, si è dato atto della definitiva soluzione progettuale per l’allungamento della pista, che sarà formalmente trasmessa da Aeroporti di Puglia al Comune di Foggia ed a tutti gli altri soggetti interessati. Su tali atti progettuali dovranno essere acquisiti i pareri obbligatori delle Sovrintendenze regionali».

Positive novità anche per quanto concerne il piano aeroportuale dei rischi che il Comune si è impegnato (con la Regione) ad approvare entro il 12 settembre, data della prossima conferenza di servizi. «Sono stati definiti gli aspetti operativi per la definitiva redazione del Piano aeroportuale dei rischi – chiarisce l’assessore all’Urbanistica, Augusto Marasco – il cui procedimento è stato avviato venerdì scorso con la convocazione di una specifica conferenza dei servizi».

Il sindaco Mongelli appare determinato più che mai a chiudere positivamente la partita dell’ae roporto, lo si intuisce anche dal piglio velatamente polemico con cui sottolinea, nella nota di Palazzo di città, come «anche i rappresentanti di soggetti privati interessati e di alcune associazioni cittadine hanno potuto verificare direttamente la determinazione con cui l’Amministrazione comunale sta procedendo per accelerare i tempi e ottenere la riapertura ai voli del Gino Lisa il più presto possibile».

Articolo di Massimo Levantaci pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 26.06.2012

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , ,

Categorie: Conferenza dei Servizi, Generale, Le verità e i fatti in evidenza, Notizie, Pista, Sviluppo

I commenti sono chiusi