Oggi terzo appuntamento della Conferenza dei Servizi. Ma le modifiche sui tratturi non saranno recepite

| 25 giugno 2012

Si torna stamane in conferenza di servizi a Bari per la pista dell’ae roporto Gino Lisa. E’ la terza riunione in programma, non sarà comunque decisiva. Stamane, infatti, i tecnici di Aeroporti di Puglia illustreranno le modifiche apportate al progetto di allungamento a duemila metri (1800 utilizzabili) per compensare la cancellazione di Tratturo Castelluccio, dopo la levata di scudi dell’uf ficio regionale Tratturi che aveva sollevato la grana sin dalla prima riunione del 27 febbraio scorso. Le modifiche apportate al progetto disegnate dallo staff dell’ingegner Antonio Bruno (responsabile del procedimento), prevedono la realizzazione di una pista ciclabile che correrà in parallelo all’attuale via Castelluccio e che girerà intorno alla testata Nord.

L’opera di mitigazione è già stata inserita nel progetto di allungamento pista e viene finanziata nell’ambito del finanziamento di 14 milioni di euro stanziato dal Cipe. Tuttavia l’Ufficio regionale tratturi questa mattina non sarà sarà presente in conferenza di servizio e dunque non recepirà formalmente le modifiche così apportate.

Il motivo lo spiega alla Gazz etta il responsabile, Michele Pesante: «Le modifiche di Aeroporti di Puglia vanno nella direzione da noi richiesta, ma se il progetto così corretto non viene prima approvato in una conferenza di servizi ad hoc, la nostra presenza domani (oggi: ndr) a Bari è perfettamente inutile. Voglio ricordare – sottolinea Pesante – che dovrà essere il Comune a convocare la conferenza di servizi al fine integrare questa modifica nel piano Tratturi e che veda la partecipazione anche della Soprintendenza regionale, oltre che di questo ufficio regionale che ha sede a Foggia».

Alla conferenza di servizi il Comune dovrebbe illustrare stamane anche il piano di rischio predisposto intorno allo scalo, misura da qualche tempo obbligatoria per tutte le aree aeroportuali ma che per Foggia diviene indispensabile se si intendono attuare i programmi edilizi intorno al Gino Lisa con i vari programmi di edilizia sociale e Gozzini (1500 appartamenti). In quest’ultimo caso il Comune ha aperto venerdì scorso la conferenza di servizi per l’approva zione dei piani di rischio, convocando i rappresentanti di Enac e Aeroporti di Puglia.

Ma probabilmente questa mattina a Bari i tecnici di Palazzo di città non porteranno alcun elaborato tecnico, date le ristrettezze di tempo in cui ci si è mossi (appena due giorni prima e a ridosso del fine settimana). Per tutte queste ragioni la terza conferenza di servizi sulla pista del Gino Lisa sarà più interlucotoria delle precedenti due (l’ultima si è tenuta il 9 maggio). E in ogni caso, se il Comune fosse oggi in grado di presentarsi a Bari con i progetti autorizzati, la conferenza di servizio non potrebbe chiudersi prima di conoscere l’esito della commissione sulla valutazione d’impatto ambientale del Gino Lisa, in corso da alcune settimane nella Capitale.

Ma continuare ad accumulare ritardi su atti amministrativi per i quali il Comune aveva fornito ampie garanzie, non è un bel segnale.

Articolo di Massimo Levantaci pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 25.06.2012

Nella giornata di domani vi forniremo l’esito dell’appuntamento odierno sulla Conferenza dei servizi.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , ,

Categorie: Conferenza dei Servizi, Generale, Le verità e i fatti in evidenza, Notizie, Pista

I commenti sono chiusi