È il giorno della pista: tutti a Bari per decidere. Si aprono le procedure per l’allungamento a 1.800 metri con la Conferenza dei Servizi

| 27 febbraio 2012

Si apre stamane a Bari, nella sede del Provveditorato regionale alle Opere pubbliche, la conferenza di servizio per l’allungamento della pista del Gino Lisa. Dopo il via libera del consiglio comunale di Foggia, è questo l’ultimo adempimento amministrativo prima della pubblicazione del bando di gara da parte di Aeroporti di Puglia per l’apertura del cantiere. Evento che, salvo intoppi, dovrebbe avvenire entro la fine del 2012. Alla conferenza di servizio sono stati invitati a partecipare 24 enti pubblici con interessi a vario titolo sullo scalo aeroportuale; la conferenza (che si articolerà in diverse riunioni e dovrebbe prolungarsi fino all’autunno) dovrà recepire tutti i pareri prima di emanare il provvedimento per la concessione (o meno) del nulla osta.

Solo successivamente Adp potrà redigere il progetto esecutivo sulla scorta delle prescrizioni di dettaglio rilasciate dalla conferenza. Secondo il cronoprogramma di Aeroporti di Puglia, i lavori dovrebbero cominciare nel gennaio 2013 e concludersi dodici mesi più tardi, collaudi compresi. Dunque il Gino Lisa avrà una pista lunga 1800 metri effettivi a partire dai primi mesi del 2014, indicazione utile per gli operatori turistici del Gargano interessati all’attivazione di voli charter.

Ma se sul piano tecnico-procedurale tutto sembra filare liscio, bisogna pur ricordare che i 14 milioni finanziati dal Cipe per l’allugamento della pista del Gino Lisa sono già finiti nella “black-list” del ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, che considera l’investimento «uno spreco» al pari di molti altri che riguardano tutti gli scali a suo avviso (e dell’Enac) «da tagliare». Dunque sul Gino Lisa continuerà a pendere per tutta la durata della conferenza di servizio la spada di Damocle di un finanziamento deliberato, ma non ancora erogato.

Peraltro lo stallo sui voli contribuisce ad alimentare la leggenda dello scalo fantasma. I voli della compagnia Air Vallée dovrebbero decollare in aprile, ma senza la firma del protocollo d’intesa che impegni Comune, Provincia e Camera di commercio a erogare insieme alla Regione finanziamenti a sostegno dell’attività di promozione del turismo in Capitanata, non se ne farà nulla. L’assessore regionale Minervini su questo punto è stato categorico. Ma del protocollo finora non se n’è vista traccia. Il sindaco, Gianni Mongelli, che stamane sarà presente alla conferenza, si sente sicuro: «Il protocollo d’intesa lo firmeremo a breve, Comune e Provincia s’impegneranno a erogare 500mila euro per l’attività di marketing (altri 400mila euro la Camera di commercio: ndr). Mi auguro solo – chiosa il sindaco – che quei soldi servano effettivamente a finanziare attività di marketing e non gli autobus da Foggia per l’aeroporto di Palese».

Fonte La Gazzetta del Mezzogiorno/Massimo Levantaci del 27.02.2012

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , , ,

Categorie: Generale, Lo stato dei fatti sul Gino Lisa, Notizie, Pista