Gino Lisa, l’aeroporto dove non esiste la riprotezione

| 26 luglio 2009

ginolisaskyscanner

Dopo la revoca della licenza di volo a MyAir.com da parte dell’ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, dello scorso 22 luglio 2009, in tutti gli aeroporti dove operava la compagnia vicentina, altre compagnie aeree si sono prodigate a riproteggere i passeggeri rimasti a terra.

E’ il caso di Alitalia, Ryanair e AirItaly che hanno deciso di riconoscere delle offerte speciali sui voli (sugli scali in cui operano) a quei passeggeri che all’atto dell’acquisto di un nuovo biglietto presentassero quello di MyAir.com. Si veda questo articolo.

Purtroppo nessuna delle tre compagnie vola su Foggia. E proprio sul Gino Lisa si ha una situazione alquanto singolare per due aspetti: uno positivo ed uno negativo.

Partiamo da quello positivo: contrariamente a tutti gli altri aeroporti, è stata trovata subito una soluzione per la continuità dei voli da e per Foggia. La compagnia svizzera Darwin Airline ha accettato immediatamente di sostituire MyAir.com nel totale svolgimento delle operazioni di volo. Ovvero, mentre fino a qualche giorno fa MyAir.com era titolare della licenza su Foggia, vendeva i biglietti ed era l’unica interlocutrice con i propri passeggeri e noleggiava equipaggio e aerei da Darwin Airline (che dunque aveva solo il compito di volare…), dal 25 luglio 2009 la compagnia svizzera si occupa di tutto, dalla A alla Z e MyAir.com è uscita completamente di scena.

E’ sembrata tutta una favola, ma ci sono stati anche i riscontri negativi. Qualcuno si lamenta dell’aumento del costo dei biglietti. Ma quello non è il vero problema: il prezzo di 100€ circa per un volo Foggia-Malpensa è il vero prezzo che si deve far pagare a ciascun passeggero per mantenere un aereo come un Saab che svolga quella tratta! Ai costi di MyAir.com non si poteva andare avanti, ovvero i passeggeri pagavano poco, ma il resto dei soldi provenivano da sovvenzioni pubbliche. Tale giochetto prima o poi doveva finire… Se si vuole spendere di meno ci vogliono aerei più grandi, ovvero quelli più diffusi come Airbus A320 e Boeing 737 (usati da tutte le compagnie, come le famose Alitalia, Ryanair e EasyJet) ma che non possono atterrare al Gino Lisa per la lunghezza della pista. Ecco allora che siamo sempre lì: si deve allungare la pista!

Il vero “neo” della vicenda è stato che solo per Foggia non è esistita nessuna riprotezione, una cosa al limite della legalità e da quanto previsto dal codice che regola i diritti dei passeggeri aerei, emesso dalla stessa ENAC. La Darwin Airline, che sicuramente è estranea a tutta la vicenda Myair.com, si è rifiutata di riconoscere, ai passeggeri in possesso di un biglietto precedentemente acquistato da MyAir.com e riferito a voli dopo il 25 luglio 2009, il diritto a salire sui propri aerei. Il bello è che quei soldi spesi per tali biglietti, in qualche modo e percentuale, sarebbero andati a finire nelle casse della compagnia svizzera.

Sicuramente c’è il problema che tali soldi non ci sono finiti e che quindi Darwin Airline avrebbe tutto il diritto di non accettare la salita a bordo dei passeggeri e costringerli all’acquisto di un nuovo titolo di viaggio. Però per politica di fidelizzazione, nonchè per una scelta commerciale più azzeccata, avrebbe fatto tutti più contenti se almeno i primi giorni avesse chiuso un occhio e accettato lo stesso i passeggeri. E dunque si sarebbe accattivata di più la simpatia dei viaggiatori foggiani…

Parliamo sempre di svizzeri che, come sappiamo tutti, sono precisi come un orologio.

I passeggeri possono sempre chiedere il rimborso dei biglietti a MyAir.com, come indicato dalla stessa ENAC (io invece vi consiglio di tener d’occhio questa discussione del forum)…

Comunque sia, noi foggiani in qualche modo siamo sempre considerati di secondo piano ma, ricordiamoci tutti che dobbiamo sempre tirare il meglio per noi stessi. Dobbiamo continuare a volare perchè così aumenta il numero di passeggeri in transito dal Gino Lisa, attiriamo l’attenzione sull’allungamento della pista e prima o poi altre compagnie cominceranno ad avere interesse per il nostro scalo… Solo così si avrà crescita!

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Categorie: Darwin Airline, MyAir.com, Notizie

I commenti sono chiusi