Perchè si ad allungare la pista e perchè no a quella trasversale. Rispondiamo ad una serie di osservazioni

| 24 novembre 2010

Qualche giorno fa Aeroporti di Puglia ha presentato il progetto di allungamento della pista del Gino Lisa, un documento che ricorda molto il nostro studio di fattibilità di allungamento della pista, scaricabile da sempre in homepage oppure cliccando qui.

Siamo stati sempre molto duri nei confronti di Aeroporti di Puglia quando in passato ha compiuto le scelte che ritenevamo non corrette o dannose per la crescita dell’Aeroporto di Foggia. Questa volta, invece, non possiamo che esser concordi con le ipotesi di allungamento presentate da Domenico Di Paola.

Tuttavia un coro di persone favorevoli, invece, alla realizzazione della pista ortogonale si è levato, continuando a ignorare o tralasciare il problema dei venti e dell’incompatibilità con Amendola, ormai segnalato più volte da parte nostra.

Vi riportiamo una serie di osservazioni riportate dall’utente Foggiano85 (nel nostro forum), alle quali Angelo Stilla ha prontamente risposto. Ciò servirà a spiegare ancora una volta, dati alla mano, perchè si deve allungare la pista e lasciar perdere tutte le altre soluzioni.

Foggiano85 ha scritto:
In questi giorni mi sto un po documentando sulla vicenda dell’allungamento, sia sulla stampa che su facebook. Ebbene, mi sono fatto una mia personalissima opinione sulla questione dell’allungamento. Ritengo che la giusta strada da battere sia quella della pista ortogonale per questi motivi:
1) i tempi: si sa in Italia come funzionano gli espropri, si va avanti per anni tra opposizioni, decreti e ricorsi e quindi rischieremmo davvero di veder passare un sacco di tempo tra il dire ed il fare. La costruzione di una pista ortogonale nuova invece non ha bisogno di particolari espropri dato che ricade quasi tutta nel sedime dell’aeroporto e si tratterebbe di intervenire solo su alcuni terreni agricoli.

Invece gli espropri servirebbero anche (e forse soprattutto) per la pista ortogonale, dato che occorrerebbe acquisire/vincolare anche tutti i terreni intorno al curvone finale della superstrada Foggia-Candela, per evitare che saltino fuori altre palazzine come quelle spuntate lì come i funghi negli ultimi due anni. Inoltre si tratta di un’ OPERA COLOSSALE, più che costruire da zero DUE autostrade affiancate da 3 km l’una: SE TUTTO VA BENE, SONO 4-5 ANNI DI CANTIERI, E IL TUTTO SAREBBE SFRUTTABILE SOLO ALLA FINE DEI LAVORI!
Inoltre, cosa forse più importante di tutte, I PROPRIETARI DI TERRENI/IMMOBILI A NORD SI SONO MOSTRATI RAGIONEVOLI E POSSIBILISTI NEL CEDERE LE LORO PROPRIETA’ IN CAMBIO DI UN CONGRUO INDENNIZZO, quindi i tempi potrebbero essere sorprendentemente rapidi (espropri consensuali).
Diverso è invece il discorso degli ABUSIVI PRESENTI IN TESTATA SUD (e non è quindi un caso che il Comune di Foggia si sia concentrato in prima battuta verso Via Gioberti, a Nord), ma comunque quando in futuro dovrà necessariamente essere raddoppiata la tangenziale (con interramento?), DOVRANNO PER FORZA SLOGGIARE ANCHE LORO, CON LE BUONE (INDENNIZZO) O CON LE CATTIVE (BULLDOZER DELL’ESERCITO)…

Foggiano85 ha scritto:
2) i costi: ho letto che i fondi sono stati stanziati anche da parte del governo centrale e che si parla di somme ben più rilevanti rispetto ai 14 milioni di euro previsti, per cui anche forti del fatto che nel consiglio regionale si approvano mozioni all’unanimità che riguardano il Gino Lisa, si potrebbe tentare di perseguire la strada della nuova costruzione piuttosto dell’allungamento.

Se il discorso cade sui COSTI, allora è meglio non parlarne proprio: il mio allungamento ridotto prevede una spesa di max 30 milioni di euro (in effetti, i 14 stanziati sembrano pochini anche a me…), mentre per quella trasversale parliamo di ALMENO IL TRIPLO, OSSIA 90 MILIONI DI EURO, ovviamente salvo “imprevisti e complicazioni” che portano OPERE DI QUESTA PORTATA, DA NOI, A TRIPLICARE FACILMENTE I TEMPI E I COSTI INIZIALI!

Foggiano85 ha scritto:
3) i vantaggi: con una pista di 2200 metri il Gino Lisa può davvero aprirsi ai voli charter da 180 posti, che poi sono quelli che manterrebbero in piedi uno scalo da solo, cioè a prescindere dai finanziamenti che le compagnie possano o non possano prendere. Fare invece una pista più corta è solo un palliativo a mio parere, una sorta di contentino che non va bene. Insomma, Bari ci allunga la pista ma solo apparentemente soddisferebbe le richieste dei foggiani, anche perchè nella nostra nazione basta che cambi una legislatura e le promesse di ulteriori interramenti o allungamenti sono subito dimenticate!

E’ ACCLARATO CHE CON 1800/1900 METRI POSSONO VOLARE GLI AEREI DA 150 POSTI (E CON QUALCHE LIMITAZIONE SUL PESO DEL CARBURANTE, ANCHE I 180 POSTI). Vedasi gli aeroporti di Lampedusa (pista di 1800x45m, senza ILS) e di Firenze (1750x30m, con venti dominanti sfavorevoli), dove volano proprio questo tipo di velivoli. Addirittura, su Firenze in questi giorni stanno cercando ad ogni costo di abilitare gli A320 da 180 posti col pieno carico di carburante, perchè vogliono per forza fare il Firenze-Dubai non-stop! E li hanno una pista STRETTA, CORTA, CON VENTI CAPRICCIOSI, CHIUSA TRA PALAZZI E AUTOSTRADE. A Foggia abbiamo degli OTTIMI VENTI DOMINANTI FAVOREVOLI, UNA PISTA LARGA, MENO CHIUSURA rispetto a Peretola: se ci riescono là, allora noi possiamo fare tranquillamente lo stesso…

Foggiano85 ha scritto:
4) la coesione del territorio: con una pista da 2200 metri andiamo tutti verso un unico obbiettivo, soprattutto i garganici che a quanto pare si stanno (giustamente o provocatoriamente, decidete voi) attivando addirittura per un loro scalo, stanchi degli anni di finte promesse non mantenute da parte dei baresi.!

E’ PROPRIO PER LA COESIONE DEL TERRITORIO CHE BISOGNA SMETTERLA SUBITO DI PARLARE DI PISTA TRASVERSALE e concentrarsi invece tutti insieme per SOSTENERE L’ALLUNGAMENTO DI MONGELLI E DI PAOLA (che basta anche per i charter turistici!). Altrimenti, ancora una volta, i Baresi ne approfitteranno per dire “Ma non vi va bene mai niente… e allora non facciamo niente ancora una volta!”. Non diamogli questa occasione per l’ennesima volta, sarebbe davvero da sciocchi!

Foggiano85 ha scritto:
5) nel progetto di ADP non si parla di ILS, quindi tutti i calcoli che sono stati compiuti sul fatto che basterebbe anche solo la pista di 1800 metri per gli aerei più capienti, lasciano il tempo che trovano se l’ILS non venisse poi installato.

L’impianto ILS NON VIENE CITATO DA ADP PERCHE’ IN TUTTI GLI AEROPORTI VIENE INSTALLATO A SPESE DELL’ENAV! E poichè l’ENAV è uno degli Enti Pubblici Italiani con la più alta liquidità (vedasi puntata di Report di ieri sera 21.11.2010, in cui si è parlato casualmente anche del Grande Foggia di Zeman… che sia un segno del destino?!? ), possiamo dire che UN ILS DI CAT II IN TESTATA 33 A FOGGIA DOVREMMO AVERLO SENZA PROBLEMI.

Foggiano85 ha scritto:
6) Le critiche alla pista ortogonale: anche in altri aeroporti italiani (vedi Malpensa/Cameri) c’è il sorvolo di spazi aerei militari senza il minimo sforzo e e quindi questo sarebbe un falso problema. Inoltre un amico militare mi diceva che già lo spazio aereo del Lisa è di fatto sotto il controllo dell’Amendola! Mentre per quanto riguarda i venti, leggevo che la pista ortogonale era quella utilizzata originariamente dagli americani senza alcun problema e che anzi il vento in quella direzione sarebbe di 20-25 nodi a fronte dei 40 nodi dell’altra pista attuale ma che anche col “favonio” la Darwin atterra e decolla senza problemi.

E adesso arriva il bello… tutti chiacchierano a vanvera dei Venti Dominanti, ma solo noi ve li mostriamo SCIENTIFICAMENTE!


ANTEPRIMA: Analisi METAR dei Venti Dominanti su Foggia e loro influenza sulle Piste 15-33 e 07-25 (trasversale). Analisi IN ESCLUSIVA per Mondo Gino Lisa curata dall’Ing. Marco Fantauzzi, ex-consulente di EUROCONTROL (Agenzia Europea di Sicurezza del Volo, vedasi l’emergenza della nube vulcanica islandese…).

A) AMENDOLA E’ BASE M.O.B., ossia una delle 10 mai apribili al traffico aereo, pena DECLASSAZIONE e PERDITA DI PRESTIGIO, INVESTIMENTI, POSTI DI LAVORO QUALIFICATISSIMI: NE VALE LA PENA?
Gli altri aeroporti militari che citi tu (Cameri per Malpensa, e Pratica di Mare per Fiumicino) NON SONO BASE MOB. Inoltre, conta molto anche la QUOTA DI ATTRAVERSAMENTO: in atterraggio su Foggia da est, il sorvolo avverrebbe a circa 1000 metri di quota, che è proprio quella più fastidiosa/pericolosa per eventuali collisioni!
B) LA PISTA TRASVERSALE 07-25 HA I VENTI DOMINANTI NON A FAVORE (LATERALI), e comunque presuppone un utilizzo BIDIREZIONALE, dato che il Favonio soffia sia da est che da ovest! Nel 56% dei casi, occorre atterrare passando su Amendola. Se Amendola NON CONCEDE IL SORVOLO, tale pista sarebbe utilizzabile solo nel restante 44% dei casi… e si consideri che l’ICAO RICHIEDE UN COEFFICIENTE DI UTILIZZABILITA’ MINIMA DEL 95% PER CONSIDERARE COSTRUIBILE UNA NUOVA PISTA!!! Probabilmente per questi due motivi (venti non ottimali ed interferenza col traffico di Amendola), dopo la guerra la vecchia pista trasversale venne abbandonata e scomparve del tutto… altrimenti ci sarebbe ancora oggi, no?
C) LA PISTA 15-33 ALLUNGATA A 1900M LDA (ATTERRAGGI) E 1800M TORA (DECOLLI) INVECE HA I VENTI DOMINANTI PERFETTAMENTE A FAVORE (99% di utilizzabilità nel verso preferenziale Sud-Nord), e quindi “vale” di più rispetto alla sua mera lunghezza numerica, proprio perchè tali venti AIUTANO decolli e atterraggi.

Il documento completo sull’analisi dei venti basato su dati METAR e realizzato da un importante esponente di Eurocontrol è consultabile cliccando qui.

Foggiano85 ha scritto:
7) la logica: perchè allungare una pista a soli 1800 metri con tutti i problemi che ne deriverebbero dal punto di vista dell’impatto sociale (espropri) ed economici, quando se ne può costruire una nuova e più lunga,tra l’altro già presente nel progetto originale di ADP? è inutile tarparci le ali quando possiamo invece cogliere probabilmente l’ultimo treno dei finanziamenti europei!

LA LOGICA DICE ESATTAMENTE IL CONTRARIO: PERCHE’ IMBARCARSI IN UN’OPERA COSI’ COSTOSA, LUNGA, IMPEGNATIVA, PER AVERE POI SOLO UN VANTAGGIO ESIGUO? 2200M CONTRO 1900M, E SE SI CONTA L’INFLUSSO DEI VENTI DOMINANTI… alla fine abbiamo 2200m (trasversali) che “valgono” 2100m e 1900m (allungati) che “valgono” 2000m! Il progetto originale AdP, inoltre, dice espressamente “VANNO VALUTATI I VENTI DOMINANTI E LE INTERAZIONI CON AMENDOLA…”, il che dimostra chiaramente la grande “CODA DI PAGLIA” dei Progettisti di AdP, che SAPEVANO BENISSIMO GIA’ ALLORA I GRANDI PROBLEMI DEL LORO PROGETTO (per quanto tecnicamente molto bello).

Come vedete, la SCELTA MIGLIORE PER ECONOMICITA’, SEMPLICITA’ E VELOCITA’ (NONCHE’ L’UNICA POSSIBILE SE AMENDOLA DICE NO AI SORVOLI PER NON RISCHIARE IL SUO DECLASSAMENTO) è proprio l’allungamento ridotto a Nord a 1900M LDA / 1800M TORA con ILS CAT II, che potrebbero facilmente diventare 2000M LDA / 1900M TORA in caso di intervento anche a Sud (dove il mantenimento della RESA Ridotta potrebbe permettere di arrivare anche a 2000M TORA!). E in futuro, il TUNNEL DELLA NUOVA TANGENZIALE da 12milioni di euro (anche questo NON A CARICO DI COMUNE / ADP, bensì di ANAS…) potrebbe darci addirittura 2500m LDA / TORA ed oltre.

Allora, siete ancora convinti che la scelta migliore sia la Pista Trasversale?

Angelo Stilla

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , , , ,

Categorie: Novità, Pareri, Pista, Pista si, pista no, Progetti di allungamento della Pista del Gino Lisa, Studi tecnici & Info