Allungamento della pista, il nostro punto di vista sulla situazione

| 19 novembre 2010

Allungamento della pista del Gino Lisa

Alla luce delle ultime, finalmente POSITIVE novità, ricapitoliamo quanto detto nel mio Progetto P0909, tenendo conto delle preziosissime indicazioni di Fovea sull’altezza delle 4 “villette maledette” (GRAZIE, all’utente FOVEA che è intervenuto nel nostro forum!).

Il progetto di Allungamento Ridotto a 1900m LDA / 1800m TORA dovrebbe concretizzarsi così:

FASE 1 (RIPRISTINO)
Ripristino dai 1440m attuali ai 1600m originari del 1942, recuperando i 160m persi per colpa di un comignolo troppo alto (e altri ostacoli minori) in Testata Sud. Ricordo che la legge n.58/1963 tutela gli aeroporti dagli ostacoli sorti successivamente, e quindi tali interventi dovrebbero essere rapidi ed economici.

FASE 2 (LAVORI A NORD)
Allungamento in Testata Nord dai 1600m originari per 300 metri nel terreno libero oltre via Gioberti, che deve essere chiusa e deviata su via Castelluccio. Creazione di una R.E.S.A. regolamentare da 240x150m oltre la fine della pista, a protezione delle 4 villette, da NON espropriare.
Le lunghezze totali così ottenibili sono:

1600m + 300m = 1900m LDA (per atterraggi Sud-Nord, secondo i Venti Dominanti a favore)

1600m + 200m = 1800m TORA (per decolli Sud-Nord, secondo i Venti Dominanti a favore)

La lunghezza TORA è inferiore a quella LDA perchè, in fase di decollo, l’aereo deve alzarsi in volo prima della fine della pista, in modo da tenere le 4 villette davanti alla Testata Nord al di sotto del sentiero di decollo (pendenza del 2%, ossia 50 metri orizzontali per ogni metro di altezza dell’ostacolo). Poichè le villette sono alte circa 7 metri, la soglia di decollo deve essere a 350m da esse, e si trova quindi a 100 metri prima della fine effettiva della pista.

LE RECENTI MISURAZIONI DI FOVEA HANNO PERMESSO DI “GUADAGNARE” 100 METRI DI PISTA TORA rispetto alla mia stima iniziale (che poneva la soglia a 200m prima del fine pista per tenersi alla giusta da distanza da villette stimate alte circa 10 metri).

FASE 3 (LAVORI A SUD)
Anche se non si prevedono inizialmente lavori di esproprio e risistemazione anche sulla Testata Sud (che farebbero guadagnare altri 100m LDA e -forse, nel caso di concessione della RESA RIDOTTA da 150x150m- anche altri 100m TORA), è comunque necessario intervenire per installare un IMPIANTO ILS DI CATEGORIA II o III, in modo da poter sempre sfruttare al meglio (eseguendo avvicinamenti di alta precisione) tutti i 1900m LDA disponibili.

Un Instrumental Landing System è una lunga fila di luci e antenne, lunga 900 metri prima della testata della pista, e può benissimo ricadere parzialmente anche al di fuori del sedime aeroportuale. Nel nostro caso, i primi 300 metri di pali con le luci e antenne andrebbero posti nel terreno esistente tra la Testata Sud e la Tangenziale, mentre gli altri 600 metri nel terreno oltre la tangenziale. La cosa è fattibilissima, perchè parliamo di gruppetti di pali posti a distanze regolari di 60m: è come se nei terreni o lungo le strade venissero installati dei pali della luce o delle antenne per telefonini supplementari…

Ricapitolando, allungando la Pista 15-33 esistente fino a 1900x45m LDA e 1800x45m TORA, Venti Dominanti a favore, Clima favorevole, Impianto ILS… non vedo cosa avremmo da invidiare ad aeroporti come Firenze (1750mx30 e venti sfavorevoli) o Lampedusa (1800×45 e niente ILS), da dove volano tranquillamente quegli stessi A319 da 156 posti (easyJet) di cui avremmo bisogno noi per aprirci finalmente al VERO Trasporto Aereo!

Angelo Stilla

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , ,

Categorie: Generale, Pista