UDC: lo sviluppo della Capitanata passa dal Gino Lisa

| 4 novembre 2010

ginolisaskyscanner

La questione dell’aeroporto di Foggia, a parere dell’UDC, non è più rinviabile. Infatti, non esiste alcuna possibilità di sviluppo concreto per l’intero territorio della Capitanata se non viene preliminarmente risolta l’annosa questione della mobilità, correlata ai cospicui flussi che interessano l’intero sistema turistico, compreso quello religioso. Viste le decisioni governative di abbandonare gli scali aeroportuali che non dimostrano suscettibili opportunità di crescita, riteniamo che il problema di questi giorni rappresenti l’ultima chiamata per lo sviluppo dell’aeroporto. E’ il momento di fare chiarezza, una volta per tutte, sugli aspetti tecnici ed in particolar modo mettere sul tavolo le carte ed i progetti relativi all’unica possibile opportunità di sviluppo del Gino Lisa: la realizzazione della pista ortogonale. Non esprimiamo una preconcetta contrarietà all’ipotesi della produzione di energia rinnovabile, a condizione che vengano reinvestiti gli utili derivanti da tale attività, principalmente per risolvere le criticità infrastrutturali dell’aeroporto stesso. E’ arrivato il momento di chiedere ad Aeroporti di Puglia di svolgere a pieno la sua funzione e, quindi, di gestire in egual maniera i quattro aeroporti regionali. Se si hanno a cuore le sorti futuri delle giovani generazioni occorre che i politici foggiani di qualunque colore assumano interamente la responsabilità di portare a buon fine la soluzione da noi auspicata.

Fonte Teleradioerre del 4.11.2010

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , ,

Categorie: Generale

I commenti sono chiusi