Infrastrutture. Per il PD Provincia e Area Vasta devono rendersi operativi

| 22 ottobre 2010

FOGGIA – Consolidare un pacchetto di interventi su strade, ferrovia, aeroporto e porti che, con il principio della perequazione infrastrutturale, assicurino la risposta finanziaria «appropriata e realistica» alla pianificazione dei trasporti e della mobilità provinciale. È il programma di lavoro che il segretario provinciale del Partito Democratico, Paolo Campo, ha affidato a Michele Salatto, neo-responsabile del dipartimento per le Politiche dello sviluppo. Se ne è discusso martedì, nella sala riunioni dell´Unione provinciale del PD, in un seminario aperto a parlamentari, amministratori e segretari cittadini dei centri maggiori. «In provincia di Foggia – ha detto Campo – abbiamo messo il tema della mobilità delle persone e delle merci in cima alla scala delle nostre priorità, testimoniando coerenza con la strategia europea e regionale, oltre che responsabilità rispetto a scelte che guardano lontano e agli asset fondamentali per uno sviluppo economico stabile».

«Adesso è il momento di concentrare i procedimenti e le progettualità su pochi grandi interventi – ha detto Salatto – chiedendo che le istituzioni territoriali, la Regione e le principali imprese pubbliche nazionali coordinino le agende in modo da dare risposte sostenibili, anche finanziariamente, a un territorio che ha pianificato ma che ha risorse scarsissime per portare avanti progettazioni di grande impatto, dalle grandi artiere viarie al trasporto pubblico locale su treno-tram, dalle perequazioni necessarie a ridurre la marginalità delle aree del Gargano e dei Monti Dauni, fino alla logistica per le merci e al potenziamento dello scalo del “Gino Lisa”».

Il segretario ha annunciato la composizione di un Documento coordinato che sarà portato all´attenzione della Direzione provinciale del PD: «Il gap infrastrutturale della Capitanata sta dentro la più generale questione di politiche pubbliche avare nei confronti del Mezzogiorno, verso cui, nel decennio 1996-2006, le spese in conto capitale di Anas sono state solo del 41,7%, quelle di Ferrovie un modestissimo 19,7%, per non parlare del 35% delle spese in conto capitale delle pubbliche amministrazioni destinate a infrastrutture e trasferimenti alle imprese.

Serve una mobilitazione per non perdere occasioni che non torneranno più ed impedire che a livello centrale si proceda con la logica differenziata per territori: al Nord l´alta velocità, al Sud i treni che si fermano nelle stazioni fantasma dell´Appennino.

E´ dalle istituzioni territoriali, in primis Provincia e Area vasta, che deve partire l´input ad attivare tavoli di confronto con le organizzazioni sociali – conclude Paolo Campo – da tradurre in linee operative su cui attivare confronti serrati e concludenti con la Regione.

Fonte Il Grecale del 22.10.2010

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , , , ,

Categorie: Generale, Rassegna Stampa

I commenti sono chiusi