Succede al Gino Lisa

| 31 agosto 2010

Decine di multe, questa mattina nel piazzale esterno del Gino Lisa, anche per chi allo scalo foggiano ci lavora, senza avere diritto ad un parcheggio. 78 euro l’importo da pagare anche da alcuni dipendenti di Alidaunia che dal 1° di aprile, vale a dire da quando Aeroporti di Puglia ha affidato all’azienda Apcoa il parcheggio a pagamento, non possono più entrare con la propria auto nel piazzale interno del Gino Lisa, se non pagando -come un qualunque passeggero- un euro all’ora o otto euro per l’intera giornata. Un problema che si pone, non soltanto per i dipendenti di Alidaunia, ma anche per quelli del 118, dell’Aliservice che si occupa del servizio antincendio, dell’impresa di pulizie Lucente e del’Airspea che si interessa della sorveglianza degli incendi boschivi, per un totale di 75 persone. “Il problema non è nostro, devono rivolgersi al loro datore di lavoro, ossia Roberto Pucillo, ha dichiarato il direttore generale di Aeroporti di Puglia, Marco Franchini, interpellato da noi telefonicamente. Lui un’area a disposizione ce l’ha, ed è quella adiacente il Gino Lisa”. Pucillo, dal canto suo, ha risposto che quell’area c’è ma non è a norma. ‘Esiste già un progetto per trasformarla in parcheggio, che di certo non pagherò di tasca mia, ha detto. E poi in ogni aeroporto del mondo c’è sempre un parcheggio per tutti i dipendenti. A volte si paga una somma forfettaria all’anno, ma il parcheggio è assicurato. Io sono un semplice operatore che oggi ha dovuto rinunciare a 30 dipendenti alle prese con una situazione che va risolta. Di certo non devo essere io a farlo’.

Fonte Teleradioerre.it del 31/08/2010.

Condividi questa pagina
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MyShare
  • MySpace
  • PDF
  • RSS
  • Technorati
  • Wikio IT

Tag: , ,

Categorie: Curiosità

I commenti sono chiusi